Numero Verde 800 14 04 04 Lun-Ven 9-19

Aprire un conto corrente estero: come si fa?

Home»Articoli»Aprire un conto corrente estero: come si fa?
aprire conto corrente estero

Posso aprire un conto corrente all’estero?

Scopriamo se si può e come aprire un conto corrente all’estero e anche se davvero conviene. Se sei un cittadino italiano puoi aprire un conto corrente all’estero in qualsiasi paese UE.

Ricorda che la banca prima di aprire il conto come sempre ti richiederà alcuni documenti e l’ultima parola nell’aprire conto corrente all’estero rimane all’istituto.

I conti correnti esteri nell’UE sono concessi solamente come conti correnti di base, quindi per le operazioni di gestione e spesa del tuo denaro.

Se vuoi aprire un conto estero per nascondere soldi o pensare di evadere il fisco sappi che non è la scelta più opportuna.

Primo perchè anche negli altri paesi valutano e vogliono conoscere la provenienza dei fondi, ormai l’Agenzia delle entrate comunica con le omologhe straniere e, di conseguenza, abbandona l’idea di evadere.

Quante volte alla cronaca senti di VIP arrestati o multati proprio aver cercato di evadere il fisco?

Bene, questo non deve essere un incentivo o una scusante, ma un monito che anche i più pseudo famosi o famosi non la fanno franca.

In quest’ultimo caso lo valuteremo più avanti quando considereremo se i conti correnti esteri sono convenienti.

Vediamo come fare per aprire un conto corrente estero, di tutto il funzionamento, la fiscalità e altre informazioni approfondite sui conti correnti esteri ti rimando qui Conto Corrente Estero: Come Funziona? Scopriamolo Insieme: ne varrà la pena!

Conto corrente all’estero parola d’ordine: pianificare

Se volete aprire conto corrente all’estero la parola d’ordine è pianificare.

Oggi per aprire conti correnti esteri è necessario presentare specifici documenti che attestino la vostra identità e l’interesse ad aprire il conto corrente.

Le motivazioni per aprire conti correnti esteri possono essere diverse dal lavoro all’erasmus o anche semplicemente per brevi periodi di permanenza.

In questo caso ogni Stato richiede una propria specifica documentazione da presentare, ma di solito prima che venga rilasciata è richiesto qualche giorno di attesa.

Non siamo in Italia, ma anche nel resto del mondo la burocrazia ha i suoi tempi e noi non possiamo fare altro che rispettarli.

Nell’attesa che vi rilascino i documenti o vi inviino i controfirmati italiani vi consigliamo di tenere a vostra disposizione, in carte prepagate o in un conto corrente italiano, una piccola liquidità.

Di solito i documenti per aprire conti correnti esteri richiedono circa dieci giorni prima di essere rilasciati, per questo cominciate a pianificare e portate pazienza nell’aprire un conto corrente estero.

Conto corrente all'estero

Conto corrente estero in Spagna

Se per esempio volete aprire conto corrente all’estero, in particolare in Spagna, vi verrà richiesto, se non siete residenti, di presentare un certificato di non-residenza che si ottiene presso la “Direción General de la Policía“. Per richiedere tale documento basta recarsi ad una stazione di polizia e presentare una copia del documento d’identità e poi potrete proseguire nell’aprire il conto corrente.

Conti correnti esteri in Germania

La Germania è percepito come il Paese sicuro, stabile, per questo in molti decidono e si fidano nell’aprire conto corrente all’estero in questa nazione pur non risiedendovi. Conto corrente all'estero

Ci sono 4 diversi tipi di conti correnti esteri in Germania:

  • Girokonto, conosciuto anche come conto corrente o conto assegni, a seconda di dove provieni

Per aprire il tuo conto corrente estero dovrai presentare il passaporto o la carta d’identità, un certificato di residenza: Meldebescheinigung e in alcuni casi anche le ultime buste paga, ma questo è a discrezione dell’istituto dove vuoi aprire conto corrente all’estero.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo. Ogni giorno trovi video analisi di titoli azionari, approfondimenti, supporto e assistenza.

Aprire conto corrente all’estero: andare in Svizzera

Aprire un conto corrente in Svizzera è molto facile, sono veramente ben disposti ad accogliervi.

La Svizzera recentemente ha molto approfondito i controlli prima di aprire conti correnti esteri al fine di disincentivare episodi di frode o evasione.

Sempre più banche consentono di aprire il conto anche in remoto, ma dai controlli non si sfugge, vi verranno richiesti i vostri documenti e quelli che testimonino la provenienza non illecita dei soldi.

Esempi di documenti richiesti sono: copie autenticate del passaporto, documenti che spiegano cosa fai per vivere come dichiarazioni dei redditi, documenti aziendali, licenze professionali.

Se lo apri da remoto ti sarà richiesto anche una specifica apostille, si fa dal notaio ed è una certificazione dal valore giuridico.

Quello che è interessante nell’aprire conto corrente all’estero nel caso della Svizzera è che se mantieni il tuo conto in franchi svizzeri guadagnerai un piccolo importo dagli interessi.

Ma nel farlo ricorda che poi sugli interessi dovrai pagare la ritenuta alla fonte svizzera.

Un’alternativa all’apertura conto corrente estero in Svizzera è aprire un conto numerato.

Gli account numerati di solito non sono così facili da aprire.

In genere richiedono che tu vada fisicamente in banca in Svizzera e che lasci un deposito iniziale di almeno $ 100.000.

Aprire conto corrente all’estero con apostille costa circa $ 300 all’anno o più da mantenere, quindi, di nuovo, prima di aprirlo valuta bene.

E ricorda, non sono ancora anonimi poiché deve esserci una connessione ad un certo livello tra chi sei realmente e il tuo conto, ma sì le transazioni relative al tuo account non verranno identificate con il tuo nome, ma con il numero del tuo account.

Inghilterra: con la Brexit cosa cambia?

Se invece il vostro sogno è quello di trasferirvi a Londra, ecco come fare per aprire conto corrente all’estero nella City.

Di certo molte delle informazioni qui riportate potrebbero presto variare a causa delle nuove norme post-Brexit, negli ultimi mesi alcune banche stanno anche pensando di chiudere alcuni conti, quindi prestate attenzione.

Considerate come sono attualmente le cose, vi consigliamo di aprire un conto in Inghilterra solo se strettamente necessario.

Se volete trasferirvi ad oggi i documenti necessari sono:

  • immancabile ormai il passaporto;
  •  Proof of address, ossia un documento che attesta che già vivi a Londra, basta anche una lettera dell’Università o il contratto di affitto oppure la lettera del datore di lavoro.

Negli ultimi mesi, a causa del fenomeno passporting, le banche UK per entrare e operare su ogni mercato europeo devono chiedere una specifica autorizzazione e per questo molte banche preferiscono rinunciare.

Conto corrente estero

Aprire un conto gli USA

Per aprire un conto corrente all’estero in Paesi non UE le cose si complicano non poco, in questo caso vi consigliamo di aprire un conto solo se strattamente necessario.

In molti pensano che aprire conti correnti all’estero metta al riparo dalle tasse, ma poi non si rendono conto dei costi che servono a mantenere quel conto estero.

Se però Wall Street, o meglio New York, non può stare senza di voi, ecco come aprire un conto corrente in USA.

In questo caso i documenti per aprire un conto corrente in USA sono:

  • passaporto
  • SSN – Social Security Number
  • modulo di richiesta
  • Firma autenticata in origniale
  • Modulo W-8 Ben per la tassazione
  • Contratto apertura specifico e diverso per ogni banca

Dovrete poi prevedere di fare un versamento sul nuovo conto.

Molti istituti consentono di aprire conti anche online, ma anche qui la documentazione richiede ulteriori referenze e tempi più lunghi.

Vuoi imparare ad investire? Accedi ad oltre 15 ore di lezioni gratuite

Aprire un conto corrente in Russia

Se avete invece necessità di aprire un conto corrente all’estero in un Paese come la Russia, solitamente è richiesta la vostra presenza, per la firma e la compilazione della modulistica.

Per aprire un conto in Russia vi ricordo che anche qui ci sono diversi tipi di conti correnti.

Per il più semplice bastano i documenti classici: carta d’identità o passaporto e un’altra prova d’identificazione come certificati di lavoro o di soggiorno.

Se cercate un conto con qualche interesse vi saranno richiesti, in questo secondo caso, ulteriori documenti che attestino la vostra permanenza sul territorio: permesso di soggiorno, bollette o riferimento del tuo datore di lavoro.

Apertura conto corrente estero, conviene?

L’apertura di un conto corrente estero è una strategia utilizzata e percepita come adatta per aggirare le tasse o nel timore di patrimoniali, ma nella stragrande maggioranza dei casi si rivela una pratica più dispendiosa e faticosa che remunerativa.

Tanto più se volete aprire conto all’estero in un paese rischioso come il Belize o la Turchia, le offerte sul web sono tante e truffaldine.

Aprire conto corrente all’estero ha la sua convenienza?

Mantine e anzi rimane comodo aprire un conto corrente estero nel caso in cui, per ragioni personali, dovete trasferirvi.

Nel caso ad esempio degli USA avere un conto corrente estero conviene perchè vi consente di risparmiare molto sui costi di transazione e in più per poter accedere a molti servizi vi verrà richiesto di presentare un conto in attivo.

Se vi dovete trasferire va benissimo, ma se non siete madrelingua o lo fate per timore di imposizioni fiscali, per ora, attendete.

Come sempre ci sono molte altre soluzioni più remunerative e legali che possono compensare il pagamento di eventuali tasse percepite inique, ma spesso necessarie per il funzionamento del Paese.

E voi cosa ne pensate volete aprire un conto all’estero?

Alessandro Moretti

PAC(1)

Strategia PAC

Scopri come creare il miglior piano d’accumulo in 7 passi anche se hai solo 100€ da investire

Vai all’offerta riservata