Numero Verde 800 14 04 04 Lun-Ven 9-19

10 consigli per difendersi dalle truffe finanziarie

Home»Articoli»10 consigli per difendersi dalle truffe finanziarie
truffe finanziarie

Ecco 10 semplici consigli per difenderti fake news e dalle truffe finanziarie.

Quali sono gli effetti delle fake news finanziarie?

Fonte: Associated Press

Anno: 2013

Ora americana: 13.05 

Ora italiana: 19.05

Notizia: Attacco alla Casa Bianca. Barack Obama ferito.

STOP

1,9 milioni di utenti raggiunti e potenzialmente il doppio, a loro volta, informati.

3 minuti dopo…

Dow Jones: -150 punti.

135 miliardi di dollari bruciati in capitalizzazione.

Questi gli effetti delle fake news, tanto più se a twittare è una fonte autorevole. L’evento non è di fantasia, è realmente accaduto, L’Associated Press, a seguito di un attacco hacker, ha pubblicato la notizia con i suddetti esiti.

Ma come è possibile combattere le truffe e le fake news finanziarie?

Non ci stancheremo mai di dirlo: informandosi più approfonditamente e conoscendo.

Da dove partire? Ti aiutiamo come sempre noi.

10 consigli per difendersi dalle truffe finanziarie

Consiglio n. 1: controllare l’autenticità della fonte.

In questo caso si trattava di una fonte autorevole, è vero. Ma, la maggior parte delle volte, queste notizie fasulle viaggiano su fonti e canali non autorevoli e diventano in pochissimo tempo delle truffe finanziarie internazionali.

Fate molta attenzione, perché se cadi in questo tipo di truffe finanziarie internazionali sarà quasi impossibile recuperare quanto frodatovi.

Consiglio n. 2 per difenderti dalle truffe finanziarie: controlla l’URL del sito, ossia l’indirizzo che appare sulla barra del motore di ricerca del sito.

Se risulta a Cipro o esula dai soliti .org o .com o .it o .eu, allora verifica meglio, perché potrebbe trattarsi di una fake news.

Consiglio n. 3: se si tratta di notizie specifiche, cerca e verifica su più di una fonte. In particolare, per titoli finanziari, rimborsi, incentivi, andamenti societari, ti consiglio di cercare informazioni sul sito dell’azienda o dell’istituzione. Ed eventualmente cercare conferme sui siti del gestore del mercato e delle principali autorità di vigilanza: Borsa Italiana, Banca D’Italia, Consob.

Ma anche in questi casi, attenzione a non cadere vittima dello spoofing.

Che cos’è lo spoofing?

Si tratta di una falsificazione dell’identità o comunque della clonazione di siti web autentici. Ad esempio, può capitare di leggete un’informazione che vi rimanda apparentemente sul sito de Il Sole 24Ore, ma in realtà non si tratta della testata ufficiale, bensì di una copia appositamente creata per farvi cadere in una truffa finanziaria.

O ancora, in borsa, si tratta dell’attività di immettere sul mercato un grande numero di ordini tramite sistemi computerizzati al fine di creare informazioni fittizie e orientare così, sulla base di questi ordini, le contrattazioni.

Insomma, una bella truffa finanziaria che potrebbe costarti cara.

In questo caso l’attività è punita dalla normativa sulla Market Abuse.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo. Ogni giorno trovi video analisi di titoli azionari, approfondimenti, supporto e assistenza.

Evita le fake news e non alimentarle!

Consiglio n. 4 per difenderti dalle fake news finanziarie coincide in sostanza con una generale regola di buon senso: evita di alimentare il fenomeno delle fake news condividendole sui tuoi canali.

Ugualmente non dare seguito a famose catene, secondo le quali, più si condivide e più probabilità si hanno per ottenere un qualche fantomatico vantaggio.

Consiglio n. 5: anche in questi casi, controlla la fonte e, nel raro caso fosse attendibile, verifica che effettivamente la promozione sia attiva e ancora valida.

Altri consigli per difenderti dalle truffe finanziarie

Consiglio n. 6 per difenderti dalle fake news: controllare documenti e foto. Capita spesso di venire contattati sui social network o via mail da profili falsi che promettono, ovviamente, di farti diventare ricco. A volte ti dicono anche che stai perdendo l’investimento del momento.

In queste ipotesi, controlla bene tutto il profilo e le immagini, che il soggetto in questione abbia dei contatti, e verifica quali, e che le foto non siano state copiate o modificate.

Infine, se si tratta di documenti inviati, controlla che siano ufficiali.

Insomma, verifica che chi si spaccia per professionista, lo sia davvero. Ad esempio, non pochi si spacciano per consulenti finanziari, eppure non sono nemmeno iscritti all’albo tenuto dall’Organismo di vigilanza e tenuta dell’albo unico dei consulenti finanziari (OCF).

Prima di fidarti di qualcuno e affidarti a lui, verificate che il consulente sia regolarmente iscritto all’albo.

Qualsiasi albo professionale è pubblico, quindi liberamente accessibile: puoi verificare se la persona che hai davanti è davvero un professionista .

Consiglio n. 7: ricordati di controllare la data della notizia. Alcune fake news hanno una cronologia che è spesso contraddittoria o non ha alcun senso. difendersi dalle truffe finanziarie

Gli autori di molte fake news, si avvalgono spesso di testimonial o influencer.

Consiglio n. 8: verificate chi siano questi influencer, se si tratta di una fonte attendibile e se e come viene retribuito per trasmettere queste informazioni.

Non pochi sono pseudo-influencer finanziari che potrebbero prendere delle provvigioni consigliando determinati strumenti o prodotti finanziari o broker. Forse questa non è propriamente una truffa finanziaria, ma di certo non è un comportamento corretto perché si tratta comunque di una pubblicità occulta.

Noi siamo sempre rimasti indipendenti, mentre un comportamento come questo sopra descritto è in palese conflitto di interesse. E il conflitto di interesse è l’antitesi dell’indipendenza.

Scopri il primo video corso gratuito per iniziare ad investire in totale sicurezza

Il più importante consiglio per difenderti dalle fake news finanziarie!

Questo è il penultimo dei nostri consigli per evitare una truffa finanziaria.

Consiglio n. 9: prenditi il tuo tempo.

Chi cade vittima delle fake news viene incalzato da messaggi che spingono a compiere azioni in breve tempo. Si fa impaurire dai toni, a volte minacciosi. Se non si fanno versamenti, non si rilasciano dati sensibili, non si inviano password o codici o se non si effettuano accessi entro poco tempo, allora si perde il premio promesso o addirittura si perde tutto.

Insomma, non puoi mica credere che sia realtà?

Eppure ancora in molti incappano in queste truffe finanziaria.

Se proprio sembra trattarsi di una cosa seria, allora prenditi tutto il tempo per informarti, controllare gli albi professionali, leggere le recensioni online attendibili. In alternativa, se hai dei dubbi su un contratto, dai senza fretta un’altra letta a tutte le condizioni contrattuali e soprattutto chiedi.

Un vero professionista sarà felice di spiegarti ogni cosa e chiarire i punti che non ti sono chiari.

Eccoci all’ultimo consiglio, il n. 10: rivolgiti ad un esperto. Lui, meglio di chiunque altro, saprà darti un’opinione sulla notizia, sul prodotto o sul servizio offerto, in maniera indipendente, trasparente e competente.

A chi rivolgersi in caso di truffe finanziarie?

Dipende da che tipologia di truffa si tratta.

Se si tratta ad esempio di un falso consulente finanziario, che presta consulenza in materia di investimenti senza essere iscritto all’albo, segnalate subito il fatto all’OCF. Se si tratta di broker o di altri operatori finanziari fasulli, rivolgetevi alla Consob.

In ogni caso, ci si può rivolgere ai carabinieri o direttamente alla polizia postale.

In caso di truffa finanziaria potrete denunciare anche online, usufruendo del servizio: denuncia vi@web sul portale ufficiale della Polizia postale.

Nel caso di truffe finanziarie internazionali è consigliato rivolgersi innanzitutto ai carabinieri e da lì inizierà un percorso di segnalazione e tracciamento che purtroppo potrà andare per le lunghe.

Mi raccomando: stai lontano dalle truffe finanziarie!

Alessandro Moretti

7PeccatiFinanziari

7 Peccati Finanziari

Fai luce sugli errori più comuni e illumina le tue finanze. Scopri il libro “I 7 Peccati Finanziari“.

Scopri di più