È uscito il libro ''I 7 Peccati Finanziari'' + Video Corso in 13 moduli
menù

BOT e BTP le 3 differenze

14 Settembre 2020

BOT e BTP, ma qual è la differenza tra differenza BOT e BTP. Valutiamo se conviene investire in BOT o BTP e quali sono i rendimenti.

Cosa sono i BTP e BOT

I titoli di stato solitamente sono rappresentativi del debito pubblico e servono per far fronte alle esigenze di spesa di uno Stato.

I BOT sono obbligazioni.

Lo Stato si indebita emettendo questi titoli, nel nostro caso vengono emessi a scadenze periodiche da parte del Ministero dell’economia.

Non tutti i titoli che però emette sono uguali e si distinguono diverse tipologie BTP BOT E CCT.

La principale discriminante tra i titoli di Stato è essenzialmente la durata temporale del titolo e la cedola.

Queste due variabili tra BTP BOT fanno la differenza e determinano anche differenze di rendimento tra i diversi btp

Se volete approfondire in particolare come funzionano e se conviene investire in BOT BTP vi consiglio di leggere anche questo articolo: BTP e BOT: conviene investire in Titoli di Stato?

BOT BTP differenza tra i Titoli di Stato?

Per capire quale sia tra BTP BOT differenza allora possiamo analizzarne uno ad uno.

Lo Stato italiano ha la possibilità di emetere diversi tipi di titoli, coem detto i BOT sono obbligazioni, ma gli altri?

Anche questo accomuna BTP e BOT ma anche BOT e CCT.

Sono 4 le categorie di titoli principali:

  • Buoni Ordinari del Tesoro (BOT)
  • Certificati di Credito del Tesoro (CCT)
  • Buoni del Tesoro Poliennali (BTP)
  • Certificati del Tesoro Zero coupon (CTZ)

Se vi chiedete se sia meglio CCT o BTP o se meglio BOT e BTP, vi rassicuro subito: nessuno di loro.

Purtroppo in questo particolare periodo storico nessuna obbligazione risulta conveniente.

Non ce l’ho con l’Italia direi lo stesso anche di altri bond, investire in obbligazioni ad oggi non è remunerativo.

Il rendimento di BOT e CCT rimane inadatto per gran parte degli investimenti.

Eppure anche in questo caso prima di dare un NO assoluto, non c’è niente di assoluto tanto più nella finanza.

Forse di assoluto solo che potete fallire e per questo vi dico dipende dal vostro patrimonio.

Prima di investire che siano BOT BTP è sempre meglio sentire un consulente finanziario che possa gestire la vostra posizione finanziaria.

Il grafico mostra la composizione dei Titoli di Stato in circolazione al 31.12.2019.

bot e btp

Ma vediamo le 3 differenze BOT BTP.

La prima differenza BTP BOT

Se vi state chiedendo quale sia la differenza BTP BOT principale è quella della durata e della cedola.

I BTP sono i Buoni Pluriennali del Tesoro, lo dice il nome stesso hanno durata pluriennale la scadenza è di 3, 5, 7, 10, 15 e 30 anni, ed il loro taglio minimo è di 1000€.

Questi titoli sono preferibili dagli investitori che richiedono margini di rischio contenuti, pagamenti periodici e buona liquidità.

Gli investitori istituzionali possono negoziare i BTP con operazioni non inferiori ai 2,5 milioni di euro, mentre gli investitori retail possono negoziare i BTP a lotti (minimo 1 pari a 1000€).

bot e btp

I BTP sono rimborsati in un’unica soluzione a scadenza e fruttano una cedola fissa pagabile semestralmente in via posticipata; possono essere emessi alla pari, sotto o sopra la pari.

Il rendimento è calcolato secondo la modalità di giorni effettivi/giorni effettivi.

Anche i BOT dello Stato hanno taglio minimo di 1.000€ ma sono a breve termine hanno infatti scadenza a 3, 6, 12 mesi proprio per questo sono considerati strumenti molto liquidi.

bot e btp

BTP BOT una seconda differenza

Oltre ad una differenza BOT BTP nella durata, c’è una seconda differenza tra i due Titoli di Stato e consiste nella cedola.

I BOT sono detti zero coupon, non hanno cedola ciò determina anche una differenza di rendimento BOT BTP.

Il rendimento dei BOT dello Stato sarà dato con la remunerazione a scarto di emissione.

Se il titolo viene emesso a sconto cioè emesso ad un valore inferiore a quello del valore nominale che è 100.

L’investitore però sarà remunerato con il vlaore nominale e il suo guadagno sarà proprio in questa differenza.

Invece il BTP ha una cedola, la cedola del BTP è annuale pagata però semestralmente.

Il rendimento nei BTP è il tasso fisso della cedola e anche dalla differenza tra il prezzo a cui il BTP viene emesso e quello di rimborso.

Si parla di titoli a capitale garantito e per questo i Titoli di Stato sono molto amati dagli investitori, che sottovalutano però il rischio emittente ed il rischio che l’investimento si riveli poi inadeguato.

Si finisce inconsapevolmente di rischiare più di quanto si immagina anche se si è convinti di stare investendo in titoli percepiti sicuti come  BTP BOT.

Attratti dalla cedola si rischia e si rischia di perdere le altre opportunità più vantaggiose offerte dal mercato.

bot btp

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo dove troverai ogni giorno video analisi dei titoli azionari, rubriche di approfondimento, supporto e assistenza da ben 4 analisti tecnici per l’analisi dei titoli che hai in portafoglio.

La terza differenza: l’asta

Entrmbi i titoli BOT e BTP vengono emessi in numero prefissato e tramite asta, ma i BOT dello Stato sono collocati con asta competitiva e i BTP con asta marginale.

L’asta marginale prevede che i richiedenti rimasti aggiudicatari paghino tutti lo stesso prezzo che è il prezzo più basso tra quelli pagati dai sottoscrittori aggiudicatari.

BOT e CCT

Ma come detto esistono altri titoli di debito che come i BOT sono obbligazioni sono uguali, parliamo dei CCT.

I CCT sono i certificati di credito del Tesoro.

BOT CCT rendimenti li affronteremo dopo ora  mi preme che comprendiate cosa sono questi certificati.

A differenza dei BOT e CCT si distinguono per prima cosa per la scadenza pari a 7 anni.

E a livello di cedola tra BOT e CCT che differenza c’è?

In realtà BOT e CCT sono molto legati, questo perchè la cedola dei CCT sono legate al rendimento dei BOT a sei mesi o un anno che sono stati emessi nel bimestre precedente al mese prima dello stacco della cedola.

Per questo conoscere i BOT CCT rendimento diviene più facile da conteggiare e gli interessi sono consegnati in maniera posticipata con il rimborso della cedola semestrale..

Se non fosse molto chiaro ecco come funziona la prima cedola è fissa dopo sei mesi la cedola dipenderà dal rendimento dei BOT a sei mesi colocati con l’asta precedente la data di decorrenza della cedola.

Il rendimento della cedola è dato dal rendimento dei BOT cui poi dovremo aggiungere uno spread tra 0,3-1% che è dato dalla durata del CCT.

La quotazione avviene con asta marginale con importo minimo di 1.000€.

Il rimborso a scadenza avviene alla pari.

La tassaziione è uguale BOT e CCT sono perciò tassati al 12,5%.

Investire BOT e BTP

Ad oggi come detto se dovessi rispondere alla domanda se investire BOT BTP vi devo dare parere negativo.

Al giorno d’oggi si parla tantissimo dei titoli di Stato trainati anche dal tanto rumore causato dai BTP Futura, se vuoi approfondire cosa sono ti consiglio di leggere qui: BTP Futura tutto quello che devi sapere.

Di conseguenza ti voglio lasciare con un buon consiglio di investimento, se sei infatti indeciso se investire BOT BTP qui tispiego bene cosa puoi fare: Investire su Titoli di Stato.

Anche perchè come titola una bella commedia di Shakespeare non volete di certo che il vostro investimento venga sprecato con “molto rumore per nulla”, o sbaglio?

E voi conoscevate queste importanti differenze BOT BTP?

Fatemi sapere cosa ne pensate qui nei commenti.

Vuoi rimanere aggiornato sulle principali notizie finanziarie del mondo? Iscriviti alla nostra newsletter gratuita “La bussola Finanziaria

Alessandro Moretti

Lascia un Commento

0Commenti

    Lascia un commento