Numero Verde 800 14 04 04 Lun-Ven 9-19

Come investire sui mercati esotici: ETF America Latina

Home»Articoli»Come investire sui mercati esotici: ETF America Latina
etf America-latina

ETF America Latina: scopriamo uno dei più interessanti ETF per investire sui mercati, spesso detti esotici.

Si tratta di mercati, lo dice la parola stessa, che attirano molto interesse e affascinano, ma ugualmente possono rivelarsi molto rischiosi, per questo prestate sempre grande attenzione.

Ma non perdiamo altro tempo e vediamo come è possibile investire con un ETF sull’America Latina, un mercato inusuale.

ETF America Latina: uno sguardo macro

Sicuramente prima di iniziare ad investire sui mercati esotici, e nello specifico in America Latina, sono necessarie due doverose premesse.

Primo, si tratta di un investimento nel complesso abbastanza specifico, pertanto è bene prestare sempre le dovute attenzioni e accompagnarlo sicuramente ad un portafoglio di investimento più solido, diversificato e strutturato, non solo sull’obiettivo di investimento del cliente, ma anche sul suo profilo di rischio.

Come ricordato dall’analisi della Prof.sa Antonella Mori dell’ISPI, la pandemia potrebbe mettere seriamente a rischio la delicata economia dell’intera regione, tanto da spingere a non escludere per alcune aree una vera e propria década perdita.

Tuttavia, nonostante le incertezze, investire in America Latina potrebbe essere ugualmente interessante.

Le prospettive di crescita della Banca Mondiale prevedono una crescita di circa il 3,7%, sempre meglio che investire in Italia e in Titoli di Stato.

Valutazioni geopolitiche ed economiche indicano che aumenteranno purtroppo le disuguaglianze sociali.

Ugualmente il ricorso al debito, la ripresa dell’economia cinese, che nei paesi latini ha diversi investimenti in termini di commodities, potrebbero trainare una crescita che eventualmente, seppur contenuta, ci sarà.

Sicuramente si tratta di un melting pot interessante.

Ma al fine di evitare di caricarsi eccessivamente di un rischio Paese alto dirigendosi, ad esempio ad investire sull’economia messicana più che su quella brasiliana, o il contrario, la migliore soluzione quella di investire su un ETF America Latina.

L’ETF sull’America Latina, investendo su diverse azioni del continente, consente di diversificare e cogliere le eventuali opportunità di crescita di quelle nazioni che compongono ancora oggi i Paesi emergenti.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo. Ogni giorno trovi video analisi di titoli azionari, approfondimenti, supporto e assistenza.

Un’ipotesi da valutare

L’ETF che vogliamo consigliarvi è l’Amundi MSCI Emerging Markets Latin America, vediamo prima l’ETF in dettaglio e poi andiamo a spulciare l’indice.

Ha una dimensione di quasi 500 milioni di euro, tutto sommato abbastanza grande.

La data di lancio è nel 2018, non neofita ma anche non molto anziano, in particolare rispetto ad altri ETF che hanno uno storico più interessante.

La replica dell’ETF America Latina è di tipo sintetico.

In realtà è normalissimo che sia a replica sintetica, questo perché stiamo appunto investendo in un mercato esotico che ha sicuramente un accesso più difficile rispetto ai mercati europei o statunitensi, soprattutto in termini di costi.

Al confronto con altri ETF sull’America Latina

Per farvi un confronto, potremmo prendere l’iShares MSCI Emerging Markets Latin America, un’altro ETF che replica allo stesso indice, ma che è a replica fisica.

L’iShares ha un costo dello 0,74% e per il nostro ETF America Latina, we win, il nostro ETF America Latina ha un costo dello 0,2%.

Altra alternativa che potreste valutare per investire in ETF sull’America Latina è l’iShares, ma questo è a distribuzione e non tutti amano la distribuzione rimanendo fedeli all’accumulazione.

Come sempre sono considerazioni che dipendono dall’obiettivo di investimento specifico di ognuno di noi.

Le difficoltà prime esposte riguardo la situazione economica del continente si ravvedono anche sull’ETF sull’America Latina.

Questi sono mercati che fanno davvero tanta fatica nei momenti di crisi ed il Covid-19 non ha di certo risparmiato questa parte del mondo.

etf america latina
Amundi

Abbiamo infatti un ETF che ancora non è riuscito a raggiungere i livelli di Febbraio 2020.

Ad ogni modo i rendimenti come sempre non devono essere l’unica leva su cui focalizzare il vostro investimento.

L’ETF America Latina appena consigliato lo trovate disponibile su Borsa Italiana, ma com’è fatto e cosa ha all’interno l’indice?

Uno sguardo alla composizione

L’ETF in analisi ha lo scopo di catturare l’andamento delle aziende a media e larga capitalizzazione di sei paesi emergenti dell’America Latina, questi sei paesi sono:

  • Argentina
  • Brasile
  • Cile
  • Colombia
  • Messico
  • Perù

Guardiamo subito alla distribuzione settoriale che, benché ben diversificata, è costituita in larga parte dal settore finanziario e dal settore dei materiali.

Ovviamente il fatto che ad oggi questi due settori siano prevalenti vuol dire poco o nulla.

Questo non è un indice settoriale, pertanto il fatto che ci sia questa grossa predominanza di questi due fattori può essere imputato semplicemente a due ragioni.

Una è che c’è una grossa quantità di aziende che operano in questi settori e la seconda è che gli investitori stanno premiando maggiormente le aziende che operano in questi settori, probabilmente per le loro performance.

Per capire meglio le ragioni e dare una spiegazione più completa bisognerebbe sicuramente analizzare il mercato americo-latino.

La distribuzione interna

Concentriamoci ora sulla distribuzione per Paese, che anch’essa è abbastanza interessante per questo ETF America Latina.

La distribuzione è rappresentata in particolare da due Stati: in particolare il Brasile ed il Messico.

Ancora una volta le ragioni per la quale l’indice ad oggi è composto in questa maniera non hanno nulla a che fare con l’indice.

Su questi mercati si trovano le aziende ad oggi meglio performanti.

Fra 10 anni l’assetto potrebbe essere completamente diverso e l’ETF America Latina nel tempo si adatterà automaticamente. etf america latina

Scopri il primo video corso gratuito per iniziare ad investire in totale sicurezza

Al dettaglio: le aziende principali dell’ETF sull’Amercia Latina

Guardiamo ora alle singole aziende, vediamo un pò di che tipologia di aziende stiamo parlando e quali, appunto, si trovano all’interno dell’indice.

Prima di iniziare voglio farvi notare come, nonostante il numero di componenti, con oltre 104 aziende, le prime 10 aziende già rappresentano il 40% dell’ETF America Latina.

Tale fatto denota comunque una diversificazione discretamente bassa, buona ma non tanto buona quanto altri mercati.

Eppure, ancora una volta, bisogna capire che ci troviamo in un mercato esotico, ma di questo ne parleremo meglio.

Sul nostro ETF America Latina troviamo ai primi 5 posti un’azienda mineraria brasiliana e troviamo poi al secondo posto Itau Unibanco, azienda sempre brasiliana che opera nel settore finanziario.

Il terzo posto sull’ETF America Latina è occupato da America Movil, azienda messicana che si occupa di telecomunicazioni.

Al quarto posto troviamo B3SA, un Exchange brasiliano.

Pensate, è il secondo più vecchio e attivo exchange brasiliano. Invece al quinto ed ultimo posto troviamo Petrobras, azienda che opera nel settore energetico ed è un’azienda pubblica.

http:////youtu.be/0WbydYnXXM8

ETF America Latina: come investire

Ora per completezza voglio farvi il solito discorso per capire come investire sull’ETFAmerica Latina.

Stiamo parlando di un ETF molto specifico.

L’America Latina non è il mercato azionario globale, può effettivamente andare molto male sia nel lungo che nel breve termine, ricordate la decada perdita?

Ciò vi deve far capire che questo tipo di ETF vanno bene o per speculatori oppure per investitori che vogliono magari aggiustare il tiro del loro portafoglio, ma in piccolissima parte.

Sarebbe bene non sovraesporsi ed investire il 30% del mio capitale in un mercato di questo tipo, piuttosto si procede con una consulenza e si investe sul globale MSCI World emerging markets che ha anche una maggiore, seppure ridotta, esposizione anche sui mercati esotici emergenti o che dir si vogliano.

Alessandro Moretti

ETF

Investire in ETF

Vuoi risparmiare migliaia di euro l’anno di costi ed avere maggiori rendimenti rispetto agli investimenti bancari?

Scopri di più