Numero Verde 800 14 04 04 Lun-Ven 9-19

Investire su ETF: 2 miti sfatati!

Home»Articoli»Investire su ETF: 2 miti sfatati!
investire su ETF

I recenti crolli hanno dimostrato la validità di investire su ETF.

La bolla sugli ETF che tanto si temeva era una bolla essa stessa, sfatiamo i due miti che ti impediscono di investire su ETF.

Perchè investire su ETF

Due critiche che sento sempre fare nei confronti sugli ETF sono performance e liquidità.

Sono sicuro che avrete sentito anche voi parlare di una bolla sugli ETF o ancora che questi sono illiquidi soprattutto nei momenti di crash del mercato,ma è veramente così?

Partiamo dalla prima ovvero quella delle performance.

Le performance come per tutti gli investimenti vengono criticate sempre nei momenti di crisi dei mercati.

Partiamo subito col dire che il confronto tra gli ETF e i fondi attivi decreta sempre vincitori gli ETF.

Le statistiche in questo caso sono chiare ne abbiamo già parlato parecchie volte: Fondi d’investimento: 3 motivi per cui devi evitarli come la peste nel lungo periodo di 90% dei fondi attivi non riesce a battere il proprio Benchmark. fondi performance

A fare la differenza sono le commissioni degli ETF che sono visibilmente più basse perciò non vanno a erodere i guadagni realizzati come accade su gran parte dei fondi comuni di investimento. investire in ETF miti

Oltre a questo che già basterebbe per convincervi a investire in ETF si sente sempre più spesso parlare di una bolla sugli ETF legata alla performance e come questa performance non sia sostenibile nel tempo.

Ora concentriamoci veramente sul perché molti affermano questa cosa.

In molti dicono che i fondi indicizzati ovvero quelli passivi quindi gli ETF sono costretti ad acquistare sempre di più all’aumentare dei prezzi delle azioni amplificando in questo modo il rischio di sopravvalutazione delle componenti dell’indice.

Questo ricorda appunto molte le speculative di mercato, ma tutto questo è vero?

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo. Ogni giorno trovi video analisi di titoli azionari, approfondimenti, supporto e assistenza.

La prova concreta per investire su ETF

Lo S&P500 è un indice che si basa sulla capitalizzazione delle 500 aziende americane maggiori perciò più alto è il valore di un titolo più i suoi movimenti influenzano il valore dell’indice stesso e amplificano il rischio che esso sia sopravvalutato.

In realtà non è affatto così.

Pensate per esempio ad Apple, l’azienda più capitalizzata al mondo nel 2019 è cresciuta dell’86%. Microsoft, la seconda per capitalizzazione, è aumentata del 55%.

Più della performance media della S&P e degli ETF che replicando l’indice vanno a replicare anche il rendimento medio di tutti questi 500 titoli.

Di conseguenza non è l’ETF a trainare i titoli più capitalizzati, ma molto più probabilmente sono questi titoli di grossa capitalizzazione che trainano l’indice.

A differenza dei fondi chiusi gli ETF hanno un meccanismo di arbitraggio incorporato che è attivo.

Questo meccanismo di arbitraggio generalmente mantiene il prezzo dell’ETF abbastanza vicino al valore patrimoniale netto, Nav ovvero Net Asset Value.

Quando sentiamo dire che gli ETF causano un aumento di flussi in ingresso all’interno di queste maxi aziende, su questi maxi titoli in realtà è presumibile sia proprio il contrario.

Sono proprio questi colossi che vanno a fare performance da capogiro e vanno a trascinare l’indice e lo stesso ETF.

L’ETF andando a diversificare in questo caso su 500 azioni americane restituisce per questo motivo un’immagine molto più realistica dell’andamento e del valore del mercato stesso.

Direi che il mito basato sul fatto che questi grossi titoli vengono trascinati dagli ETF direi viene ribaltato.

Sono proprio questi maxi titoli che in realtà trascinano l’indice e quindi trascinano le performance degli ETF. mercato funzionamento

La seconda falsa credenza: liquidità degli ETF

In molti temevano che gli ETF in caso di crisi sarebbero crollati perdendo molto di più delle azioni a causa anche della loro liquidità, ma tutto ciò con la recente crisi è avvenuto parzialmente.

Certo, è avvenuto, molti ETF hanno lasciato per strada dai 2-3-4 punti percentuali rispetto all’andamento dell’indice di mercato, ma questo da cosa deriva?

Da una minore liquidità degli ETF?

Non è proprio così questo non è un problema degli ETF stessi.

Poichè è il problema degli strumenti sottostanti che vanno a comporre l’indice.

Questo è successo particolarmente sugli ETF obbligazionari perché c’è stata una fortissima crisi.

Anche sulle obbligazioni investment grade e cioè delle aziende ad alto rating, ritenute più sicure.

Vuoi investire in ETF ma non sai quale broker scegliere? Scarica la guida gratis

Quando c’è incertezza sui mercati cosa succede?

Il coronavirus ha causato il lockdown che ha fatto chiudere praticamente tutte le aziende.

Ciò ha creato un problema di liquidità delle aziende e quindi di solvibilità dei propri debiti.

Tutto questo ha scatenato il panico tra gli investitori che ha iniziato a liquidare direttamente questi titoli obbligazionari.

Che lo spread ovvero la differenza tra bid e ask e cioè il prezzo al quale io posso comprare e il prezzo al quale io posso vendere va ad allargarsi. investire in ETF liquidità

Proprio per questa instabilità nei prezzi genera illiquidità cioè è più difficile che domanda e offerta si incontrino a un prezzo equo.

Tutto questo ovviamente va a influire anche sulla liquidabilità e sul prezzo degli ETF.

Non per un problema di liquidità degli ETF, ma per un problema di liquidità degli strumenti sottostanti.

La differenza tra investire su ETF e Fondi

Situazione analoga succede anche sui fondi di investimento, che però non avendo un prezzo bid e un prezzo ask, ma vengono negoziati alla chiusura al prezzo Nav, noi non vediamo questo spread che resta implicito nel Nav.

Se io investitore voglio vendere le quote di un fondo comune d’investimento attivo il gestore dovrà andare sul mercato e vendere sul mercato le obbligazioni che detiene in portafoglio.

Se queste obbligazioni in quel momento specifico di mercato hanno uno spread tra bid ed ask elevato questo andrà a influire anche sul Nav del fondo ovvero sul prezzo giornaliero di chiusura.

Questo è visibile perché se andiamo a confrontare gli ETF obbligazionari con la maggior parte dei fondi comuni attivi obbligazionari della stessa categoria ci accorgiamo proprio di ciò.

La credenza che gli ETF scendono di più nei momenti di crisi di mercato non è affatto vero.

 ETF liquidità In questo caso succede che circa il 50% degli ETF va meglio dei fondi e il 50% per cento, poco meno del 50% dei fondi va meglio degli ETF.

Questo perché in genere i crash di mercato sono repentini e si verificano in orizzonti temporali ristretti e la maggiore efficienza degli ETF rispetto ai fondi è difficilmente misurabile.

Gli ETF battono i fondi comuni attivi di investimento su periodi molto lunghi.

Ma è su questi periodi che l’analisi ha senso, perché l’investimento è una strategia di medio lungo periodo.

Ovviamente, nel breve periodo se confrontiamo su un giorno o su una settimana ma anche su un mese la probabilità che un fondo attivo batta un ETF è poco meno del 50%.

Tale scarto seppure piccolo sul lungo periodo fa la differenza e rende svantaggioso investire sui fondi.

Come e quando investire su ETF anche in tempi di crisi

Qual è la cosa migliore da fare per investire e quando investire in ETF?

Primo sempre e se non sai come fare: Investire in ETF: Tutto quello che devi sapere

E in condizioni di crollo non dobbiamo farci prendere dalle notizie allarmistiche ma sempre informarci un po’ di più.

Non dobbiamo liquidare i nostri investimenti quando i mercati crollano.

Lo so fa male vedere crollare tutti i titoli in portafoglio, ma dobbiamo mantenere la calma e attenerci al nostro piano di investimento.

Gli ETF sono perfetti per chi vuole investire e avere posizioni diversificate efficienti e flessibili.

Mentre non sono lo strumento adatto a chi vuole fare trading.

Voi investite in ETF?

Fatemi sapere nei commenti se conoscevate questi miti sfatati.

Vuoi rimanere aggiornato sulle principali notizie finanziarie del mondo? Iscriviti alla nostra newsletter gratuita “La bussola Finanziaria

Danilo Zanni

ETF

Investire in ETF

Vuoi risparmiare migliaia di euro l’anno di costi ed avere maggiori rendimenti rispetto agli investimenti bancari?

Scopri di più