Numero Verde 800 14 04 04 Lun-Ven 9-19

Moneyfarm conviene o no?

Home»Articoli»Moneyfarm conviene o no?
moneyfarm conviene

Moneyfarm conviene o no? Conviene investire con moneyfarm o no? Sono consulenti finanziari indipendenti?

Facciamo un po’ di chiarezza se conviene o no investire in Moneyfarm perché ho visto che le persone sono davvero molto confuse al riguardo, perciò cerchiamo di fare chiarezza sui maggiori dubbi riguardo Moneyfarm e se conviene investire o meno.

Allora numero 1: tema sicurezza.

Moneyfarm: è sicuro?

Sì, sono una gestione patrimoniale che prende i vostri soldi e li investe in ETF attraverso dei portafogli generici ossia uguali per tutti.

Ogni investitore infatti può scegliere linee di investimento, ma ogni investimento è uguale per tutti quegli investitori che scelgono o vengono indirizzati verso quel profilo.

Per la gestione patrimoniale si fanno pagare lo 0,7% all’anno per cui possiamo dire fin da ora, che Moneyfarm è una gestione patrimoniale meno cara rispetto alle classiche gestioni patrimoniali che conosciamo tutti quanti, specie in confronto a quella delle banche.

Brava Moneyfarm, fin qui un servizio migliore rispetto a quello bancario.

Dall’altra parte c’è sempre il problema dei costi e quindi ognuno di voi è libero di decidere come preferisce.

conviene moneyfarm

Le linee di gestione di Moneyfarm possono costare, come vedete sopra, dall’1% allo 0,40% sul controvalore.

Sono variabili e dipendono dal capitale e da quello che fa, a questo punto dovrete semplicemente scegliere.

Preferite far gestire tutto a loro e pagare lo 0,7% all’anno per una gestione attiva in ETF, oppure è meglio farvi voi un portafoglio passivo di ETF e risparmiarvi quello 0,7%?

Sicuramente la risposta dipende da diversi fattori, primo il tempo.

Indubbiamente possiamo dire che offrono un buon servizio, migliore di tantissimi altri servizi bancari che sono disponibili ad oggi, però è possibile fare meglio.

Come è possibile fare meglio?

Sia in termini di costi sia in termini di gestione del proprio portafoglio di ETF: ricordiamo sempre che per le linee della gestione patrimoniale gli ETF sono gestiti attivamente, quindi ricadiamo poi sempre nel problema che la gestione attiva nel lungo termine è molto probabile che faccia peggio rispetto a quello che restituisce il mercato.

Conviene investire in Moneyfarm dal lato dei costi?

Nel valutare se conviene investire in Moneyfarm o no, l’investitore deve valutare se pagare 0,7% all’anno per un portafoglio generico quindi uguale per tutti quanti.

Secondo voi è giusto oppure no, è troppo oppure no?

Moneyfarm: sono indipendenti?

Moneyfarm è una consulenza indipendente o no?

Dopo che mi sono arrivate tutte queste domande sull’indipendenza di Moneyfarm sono andato un attimo a vedere il sito; effettivamente sul sito si dichiarano come il migliore consulente finanziario indipendente d’Italia:

moneyfarm è indipendente

Ma è davvero così?

Ecco noi sappiamo che ad oggi in Italia tutti i consulenti finanziari indipendenti o le società di consulenza finanziaria indipendente devono essere iscritti all’albo.

E loro lo sono?

Sono andato sull’albo dell’OCF, potete farlo anche voi, alla pagina dei consulenti finanziari vi sono 3 sezioni, per imparare come consultarlo e cercare e vi lascio allo scopo questo articolo: Albo consulenti finanziari cos’è e come può esserti utile

Andando alla sezione dedicata alle società di consulenza indipendente e scrivendo Moneyfarm non appare assolutamente niente.

Né Moneyfarm e nemmeno la società che ci sta dietro sono riportati in tale elenco, quindi ad oggi Moneyfarm non è un servizio di consulenza finanziaria indipendente iscritto all’albo.

Qualcuno potrebbe pensare che stiano dichiarando il falso sul sito.

Ma non stanno dichiarando il falso, la differenza è veramente sottile e minima e qual’è questa differenza?

La differenza è che se pur i consulenti finanziari indipendenti sono stati riconosciuti sempre con questo nome, quando hanno creato l’albo, nello stesso li hanno chiamati consulenti finanziari autonomi e non indipendenti.

Solo questa piccola differenza ha permesso a Moneyfarm di potersi fregiare del valore di indipendente.

Quindi in realtà non è iscritta all’albo che regola coloro che sono veri consulenti  finanziari autonomi, i quali hanno anche tanti e diversi controlli ed adempimenti a cui devono ottemperare.

C’è però una differenza sostanziale, possono chiamarsi consulenti finanziari indipendenti come scrivono sul sito, ma non possono fare consulenza finanziaria autonoma.

Quella vera, la consulenza pura, che fanno i consulenti finanziari autonomi: perché per fare la consulenza finanziaria quella vera, quella personalizzata, allora sì che bisogna essere iscritti all’albo.

Differenza tra Moneyfarm e un consulente finanziario indipendente

Fanno (e offrono) una consulenza generica.

Moneyfarm non pratica consulenza personalizzata.

Collocano le persone, voi investitori, dentro questi scompartimenti che sono dunque generici.

Non c’è nulla di pianificazione finanziaria personalizzata e consulenza finanziaria personalizzata, insomma tutte le attività che invece fa un consulente finanziario autonomo.

Prendiamo il nostro Danilo Zanni, lui è iscritto all’albo dei consulenti finanziari autonomi e lui singolarmente può fare la consulenza indipendente.

Ma è ben diversa rispetto alla consulenza generica.

La consulenza personalizzata infatti prevede di costruire dei portafogli specifici personalizzati sulla base delle caratteristiche dell’investitore singolo.

Quindi si può creare un portafoglio unico specifico per ogni singolo investitore costruito su quelli che sono i suoi obiettivi futuri.

Questa cosa moneyfarm non può farla.

Non può misurare i tuoi obiettivi e non può farti un portafoglio personalizzato.

Se tu volessi un 5% in più di azionario rispetto alla linea più aggressiva non lo puoi fare perché la loro linea aggressiva, anche quella più aggressiva, rimane quella.

Anche a livello di commissioni molti paragonano le commissioni di Moneyfarm a quelle di un consulente finanziario indipendente, ma è corretto?

Moneyfarm chiede uno 0,7%, un consulente finanziario ha una parcella che va dallo 0,7 all’1% variabile perché variano i servizi offerti.

Ti offre una consulenza cucita su di te, sul tuo patrimonio, i tuoi obiettivi di vita e le tue necessità.

consulente finanziario indipendente

Quando scegliere Moneyfarm e quando un consulente finanziario indipendente?

Come detto un consulente finanziario al valore di una parcella simile o poco più alta ti permette di personalizzare il tuo investimento e la tua gestione finanziaria.

Funziona un po’ come in farmacia dove esiste un farmaco generico con una diversa dose di principio attivo e il farmaco specializzato su quella posologia adatta e studiata.

Un farmaco o un consulente che pertanto crea decisamente più valore di una soluzione generica, per quanto alcuni generici restano comunque validi, non sarebbe meglio optare per qualcosa di più mirato?

I bilanci di Moneyfarm: è davvero indipendente e conviene

Continuiamo adesso però ad approfondire il concetto di indipendenza perché leggendo i comunicati scopriamo che nel capitale di Moneyfarm è entrata Poste Italiane e Allianz Insieme.

Due società finanziarie che sono obiettivamente due player giganteschi sia in Italia che in Europa.

E da qui possono sorgere i dubbi sull’indipendenza, perché uno potrebbe dire se tu hai Allianz e Poste Italiane nel tuo capitale, non è che può nascere qualche conflitto di interesse con i tuoi clienti?

Quando hai due società finanziarie così grandi nel capitale questo conflitto di interesse effettivamente può sorgere.

Mi dispiace ma è così.

Alcuni di voi adesso potrebbero dirmi, ma loro usano ETF, che conflitto di interesse può sorgere sugli ETF.

No infatti sugli ETF nessun conflitto, a parte il discorso della gestione, non abbiamo da dire altro.

Quel conflitto nascosto di Moneyfarm

Ma il conflitto sorge ad esempio su prodotti come il fondo pensione.

Da poco tempo in qua Moneyfarm distribuisce questo fondo pensione qui:

moneyfarm non è indipendente

Un fondo pensione costruito da chi?

Fatalità proprio da Allianz.

Andando a vedere questo fondo pensione vediamo che non è un reale fondo pensione ma è un PIP e se poi guardiamo a livello di costi, notiamo che costa l’1,25% all’anno.

Un costo decisamente alto per un fondo pensione ed anche tra i PIP siamo più o meno lì, nella media, ma sappiamo che c’è molto di meglio e che la previdenza non si conclude solo con il fondo pensione.

Se vuoi andare da Moneyfarm, secondo te quale diranno che è il fondo pensione più adatto alle tue esigenze?

Ti indirizzeranno certamente sul loro PIP e neanche direttamente su Allianz, non troveranno di certo la soluzione più adatta a te considerando la tua professione.

Se volete fate una prova, telefonate e vedrete che bella consulenza che vi daranno…

Generica, che se guardaste su 3 tabelle messe in croce, potreste fare anche voi con il rischio di sottovalutare molte altre valutazioni che una seria consulenza non trascura e soppesa.

Perché lo fanno?

Perché sono per l’appunto in conflitto di interessi con il loro fondo che non è detto sia il migliore presente sul mercato.

Quando invece andate da un consulente finanziario autonomo, che vi fa una consulenza priva di conflitti di interesse, lui valuterà la situazione specifica non trascurando alcun punto.

Sceglierà il fondo pensione migliore per le tue esigenze, non è importante quale sia il “Brand”, è importante che sia quello migliore per le tue specifiche esigenze.

Eccolo quindi qual è il tema della vera indipendenza, la vera assenza di conflitto di interesse.

Quando conviene investire e come scegliere

Sarebbe carino quindi che Moneyfarm spiegasse che cosa intende quando pubblicizza di essere un servizio di consulenza finanziaria indipendente, mentre effettivamente ci sono questi evidenti temi di conflitto di interesse.

Sia chiaro non siamo contro Moneyfarm, come detto rispetto alle banche è valido, vuole solo essere un tema in più su cui meditare.

Moneyfarm seppure si presenti come un’ottima realtà, che ovviamente si è differenziata rispetto al settore bancario tradizionale, offre questi spunti per riflettere sulla reale indipendenza, sul tema del conflitto di interesse e la trasparenza.

Se cercate quindi delle alternative a Moneyfarm abbiamo visto che ci sono delle soluzioni che possono essere migliori soprattutto per investitori più evoluti.

Se qualcuno si sta chiedendo, ma per un investitore che parte da zero conviene oppure no?

La risposta è abbastanza semplice piuttosto che lasciare fermi i soldi e non investirli beh sempre meglio di niente.

Però ci tengo che sappiate e valutiate ogni aspetto, e non vi fermiate solo al marketing.

Inoltre, se vi appassiona il tema e volete approfondire, questo è soltanto un primo passo che deve portare verso nuovi obiettivi per poi evolversi e magari dilettarsi da soli: Investire al momento giusto: ecco quando iniziare

E voi investite con Moneyfarm, come vi trovate? Secondo voi conviene Moneyfarm o no?

Fatemi sapere tutte le vostre opinioni qui nei commenti.

Vuoi rimanere aggiornato sulle principali notizie finanziarie del mondo? Iscriviti alla nostra newsletter gratuita “La bussola Finanziaria

Alessandro Moretti

 

0Commenti

    Lascia un commento