Numero Verde 800 14 04 04 Lun-Ven 9-19

Regime fiscale, quale scegliere?

Home»Articoli»Regime fiscale, quale scegliere?
regime fiscale

Quando si inizia ad investire, tra le tante scelte importanti e domande più frequenti vi è quella sul regime fiscale.

Scopriamo così quale regime scegliere, e se è meglio uno rispetto ad un altro.

Regime fiscale: quelli presenti in Italia

Quando si inizia ad investire o fare trading all’apertura del conto, ti sarà capitato di trovarti in dubbio su quale tipo di regime comunicare.

In Italia ne esistono tre con caratteristiche, regole e procedure di calcolo diverse.

Sono:

  1. Amministrato
  2. Gestito
  3. Dichiarativo

Innanzitutto ricordiamo che il regime si può modificare anche in futuro, ma la decorrenza partirà dal 1° gennaio dell’anno successivo alla richiesta.

Regime fiscale amministrato

Il regime fiscale amministrato prevede che la tasse siano applicate al momento del realizzo.

In poche parole nel regime fiscale amministrato quando i singoli strumenti vengono venduti si viene tassati, si dice per per cassa, quindi non quando si presenta la dichiarazione, bensì in corso d’anno a conclusione dell’operazione.

Le scadenze fiscali vengono lasciate all’intermediario che opera così come sostituto d’imposta.

Sarà così l’intermediario che farà per te i calcoli e te li accrediterà al netto delle imposte.

L’istituto calcola plus e minus a ogni singola operazione e misura il costo impiegando il metodo del prezzo medio d’acquisto.

Ciò che l’investitore prende è il dividendo al netto dell’imposta sostitutiva.

Si possono compensare?

Sì è possibile, ma solamente se le minusvalenze sono tra redditi di diversa natura finanziaria e se la plusvalenza avviene dopo il verificarsi della minusvalenza.

Nel regime fiscale amministrato le minusvalenze si possono dedurre dalle plusvalenze fino al quarto anno successivo a quelle in cui si sono verificate e vanno a diminuire l’imponibile soggetto a tasse.

L’imponibile che resta pulito dalle minus verrà tassato al 26% se azioni, e 12,5% se Titoli di Stato.

Cosa succede se però io non voglio che il mio istituto amministri per me questa componente e voglio chiudere il regime amministrato?

Molto semplicemente quando il rapporto su cui vige il regime amministrato si chiude, il sostituto d’imposta, l’intermediario, ti lascia una certificazione delle minusvalenze residue.

Queste possono compensare le future plusvalenze che si realizzano sempre in rapporti soggetti a regime fiscale amministrato o in dichiarativo e sempre per il periodo temporale anzidetto con l’intermediario.

Il regime gestito

Il secondo tipo di regime è il gestito, con esso il cliente “delega” all’intermediario ogni cosa, anche la gestione.

L’intermediario gestisce il portafoglio, come viene amministrato e così anche i connessi adempimenti fiscali, un caso tipico è quello dei fondi pensione.

L’intermediario opera anche per questo tipo di regime come sostituto d’imposta, ma diverso è il conteggio dei proventi realizzati.

In questo caso la tassazione avviene al momento in cui si matura la plusvalenza e non quando viene effettivamente percepita.

La base imponibile è data dalla differenza tra il valore del patrimonio gestito a fine anno solare (31/12/XXXX) al lordo dell’imposta sostitutiva e del valore del patrimonio, però all’inizio dell’anno solare (01/01/XXXX), durante l’anno solare.

Il regime gestito applica l’imposizione sia sui redditi da capitale che sui redditi diversi di tutti i titoli finanziari presenti nella gestione di portafogli.

Si possono compensare?

Nel regime gestito le minus possono essere portate in diminuzione di risultati positivi realizzati in periodi di imposta successivi e su un arco temporale non superiore a 4 anni.

Il gestore ti rilascia un’apposita documentazione per consentirti di chiedere al nuovo intermediario che scegli la deducibilità delle plusvalenze.

Vantaggi e svantaggi del regime gestito

Lo svantaggio in questo caso è che si pagano le tasse al momento in cui queste vengono maturate e non quando sono realizzate, cosa significa?

Che si rischia di dover anticipare al fisco un importo non dovuto nei casi in cui la plusvalenza si rivela essere inesistente o di perdere eventuali crediti con lo Stato quando si prolunga nel tempo.

Il vantaggio del regime gestito è che si possono compensare minusvalenze, non solo con le plusvalenze, ma anche con redditi di capitale che fanno parte infatti della gestione.

Quando si chiude il contratto cosa succede?

L’intermediario ti lascia anche qui la certificazione delle minus residue e potrai portarle in deduzione dal risultato positivo di un’altra gestione in gestito, o per compensare le plus nel regime amministrato, o in dichiarazione.

ACCEDI ORA al gruppo Facebook Io Investo. Ogni giorno trovi video analisi di titoli azionari, approfondimenti, supporto e assistenza.

Regime fiscale dichiarativo

Questo insieme al regime fiscale amministrato è il regime fiscale su cui ricade la scelta principale al momento dell’apertura conto.

Nel regime fiscale dichiarativo spetta al singolo l’onere di adempiere gli adempimenti fiscali e di riportare in dichiarazione dei redditi le minus e le plus eventualmente sorte e gli altri redditi di capitale realizzati nell’anno fiscale di riferimento.

Il cittadino procede così ai versamenti delle imposte allo Stato in autonomia.

Il fatto di svolgere da sè le principali operazioni è lo svantaggio principale che richiede pazienza e una certa competenza.

Nel regime fiscale dichiarativo la compensazione delle plusvalenze con le minus è di solito più agevole e queste devono essere sempre di stessa natura.

Il termine massimo per compensare nel regime fiscale dichiarativo rimane fisso a 4 anni seguenti.

Chi è in regime fiscale dichiarativo rimane obbligato per chi detiene partecipazioni qualificate o per chi eredita attività finanziarie.

Il calcolo però è diverso perchè si applica in maniera diversa. regime fiscale dichiarativo

Scopri il primo video corso gratuito per iniziare ad investire in totale sicurezza

Regime fiscale: quale scegliere?

Se state inziando ad investire vi consigliamo di optare per uno dei due principali, quali il regime fiscale l’amministrato o il dichiarativo.

In questo, prima di tutto informatevi su quale regime applica la vostra banca o broker.

Poi optate in base alla vostra esperienza e capacità di gestire tali dichiarazioni, se per voi non è un problema optate per il regime fiscale dichiarativo che risulta più comodo per il trading.

Mentre per gli investimenti anche il regime fiscale amministrato è valido.

regime fiscale amministrato

E voi quale regime pensate sia meglio: il regime fiscale amministrato, il gestito o il regime fiscale dichiarativo?

Alessandro Moretti

Investitore_Consapevole

Investitore Consapevole

Vuoi investire i tuoi risparmi risparmiando fino al 91% dei costi bancari?

Diventa un Investitore Consapevole